Unito dalle note della bellissima canzone di Giorgio Gaber “La Libertà”.
Manca poco più di un anno alle elezioni regionali siciliane. Bisognerà rieleggere il nuovo presidente della Regione e la nuova Assemblea regionale siciliana. In questo scenario si lavora per un fronte autonomista, sicilianista, indipendentista e meridionalista. Questo, in estrema sintesi, il significato politico dell’assemblea che si è svolta ieri a Caltanissetta. Un appuntamento organizzato da Identità Siciliana. Quella di ieri è stata la seconda tappa dopo il convegno celebrato lo scorso 29 Maggio a Pergusa. L’occasione per cominciare a dare forma a un fronte politico comune alternativo ai partiti nazionali che, sostenuti da un esercito di ascari, vogliono impedire al Popolo siciliano di avviare un vero processo di riscatto sociale, economico e culturale della Regione. Non è un obiettivo facile, perché quando i rappresentanti dei partiti politici nazionali si accorgono che sta per venire fuori un’idea di politica siciliana senza ascari – cioè senza chi svende la Sicilia e i Siciliani a Roma in cambio di miserabili benefici personali – prova subito a mandare all’aria tutto. Insomma, la scommessa non è semplice, perché per i partiti politici nazionali la Sicilia e il Sud sono colonie da sfruttare e tali debbono restare. Ma ieri sulle note della bellissima canzone di Giorgio Gaber La libertà un folto gruppo di Siciliani ha provato a mettere un nuovo tassello sulla strada di un soggetto politico unico che metta al centro la Sicilia in vista delle elezioni del prossimo anno.

Fonte: www.inuovivespri.it
Articolo completo al link: https://www.inuovivespri.it/2021/06/13/assemblea-identita-siciliana-caltanissetta-elezioni-regionali-siciliane-2022/

Condividi

Comments are closed